Il vizio di parlare sempre per qualcun altro. Un vizio endemico, più della pandemia dell’influenza suina, anzi ora A. Fassino, esternando il suo personale disappunto contro Marco Travaglio, afferma: “La stragrande maggioranza degli italiani sa quanto Giorgio Napolitano in tutti gli incarichi politici ed istituzionali via via ricoperti abbia sempre ispirato ogni suo comportamento al rigoroso rispetto delle leggi e dello Stato di diritto e all’affermazione del prestigio delle istituzioni”. No, non lo sa la stragrande maggioranza. E poi perché difendere un proprio e personale punto di vista, concedendosi il lusso di parlare a nome e per conto di migliaia se non di milioni di persone? E chi avrà mai detto a Fassino che sono d’accordo con lui, piuttosto che con Marco Travaglio? Arroganza del pensare qualcosa, piccola poi, mica un grande pensiero elaborato, e consegnarlo a tutti come grande verità. Eppure non volevo parlare di Fassino e compagni (zero tituoli direbbe qualcuno di questi figuri), ma veramente non finiscono di stupire. Certo si attende la debacle annunciata di giugno, e si vedrà, ma poi tanto li troveremo sempre lì. Volevo invece ricordare lo sporco di ruggine che lasciava tempo fa il tappo sulla gassosa. Oggi abbiamo bibite tecnologiche, ma la gassosa non la batte nessuno, simbolo di un’Italia meno ipertrofica e più posata. Si corre, anzi eleggiamo il parlamento europeo e proponiamo dei mostri ignoranti che fanno paura. Nei programmi, tra le tante lacune, e qualche volta il programma non c’è proprio, tutti si sono dimenticati gli anziani (la criminalità organizzata va da se!). Chissà, forse perché ricordarsi che il rispetto dovuti agli anziani, significa rispetto per se stessi, la propria storia e uno sguardo al futuro. Invece tra poco friggeranno al caldo della propria solitudine, mentre sono calpestati negli autobus o spintonati in mezzo alla strada. E noi ci ricorderemo dei loro diritti quando saremo come loro, anziani. Ma sarà troppo tardi, e nel frattempo ci prenderemo un gomitata nel fianco di un giovane che corre chissà dove. Forse ad eleggere ancora una volta degli ignoranti blateranti.

Left Avvenimenti venerdì 22 maggio