santoriniA Santorini, in Grecia, gli albanesi si sono stabiliti in gran numero. Il punto di vista di un greco, gestore di un piccolo negozio di souvenir, è che sono coloro i quali rubano il lavoro ai locali. Cioè prima rubavano nelle case, all’inizio degli anni ’90. Poi hanno cominciato ad acquistare le attività commerciali dell’isola. E nella visione di un interlocutore greco è una follia pagare 300.000 euro una licenza commerciale ed un affitto di 10.000 euro mese. Riciclaggio o comunque ruberia del lavoro dei locali, perché se si hanno 300.000 euro, chi andrebbe a lavorare? Franco Stefano Colombo è il console onorario italiano per le isole Cicladi, nonché ideatore di un caffè rinomato a livello mondiale. “Gli albanesi rubano? E chi sono quelli che lavorano nelle campagne, nelle vigne, che fanno i muratori, quelli che spaccano la schiena sotto il sole? Albanesi. I miei vicini di casa sono albanesi e sono delle persone eccezionali. Quando non si ha voglia di lavorare, la colpa è sempre dello straniero”. Rimaniamo a chiacchierare della decadenza che l’Italia sta affrontando, e basta guardarsi la BBC che parla di noi solo per il superenalotto o per il ddl Alfano contro la libertà d’informazione, per comprendere il livello a cui siamo riusciti a relegarci. Gli albanesi, ormai quasi scomparsi dalla geografia delle paure italiche, sostituiti dagli zingari, dai romeni, con un ritorno dei “neri”, li ritrovo motivo di astio in un’isola smarrita nel mediterraneo. Sembra così simile il percorso delle paure, che non vuole mai ammettere che un popolo possa lavorare duramente per il proprio benessere, mentre noi siamo legittimati ad averlo per diritto il benessere, costruendo leggi che agevolano il nostro sonno, che chiudono le frontiere, mentre i banchieri e i mafiosi non hanno nessuna legge speciale ad ostacolarli. Che sarà mai un mutuo a tasso usuraio e un mafioso libero in più? Il diverso, beh quello si che è il vero problema. E all’aeroporto di Roma, tra pochi giorni, se usufruite di un servizio di autonoleggio, beh chi vi viene a prendere dovrà mandare un fax all’autorità aeroportuale dicendo chi va a prendere e con quale volo arriva. Forse, per caso, anche tra di noi il sospetto è così paranoico che dobbiamo essere tutti controllati, forse siamo stranieri, e se tornate da una vacanza un fax che invade la vostra privacy vi attende, mica tocca solo agli albanesi, agli zingari e ai romeni!

left avvenimenti 21 agosto