Il maestro è uno … e Triade

“Cari Totò&Peppino il momento è giunto: dopo anni di vessazioni e vasectomie gratuite, il Sud da lavoro ai disoccupati, iamm’ bell’”. 

“Vuoi dire Pasquale che mò a Napoli ci arritroviamo non solo la monnezza ma anche i piloti Alitaglia?”

“Un fatto alla volta, quelli pure ci toccherà prenderli, ma prima devo dare spazio all’amica Gelmini: maestro unico sull’esempio dei clan: uno comanda gli altri stanno in silenzio”.

Tonino&Peppino il duo più analfabetizzato del Regno delle Due (o 3?) Sicilie muovono un momento di protesta forzista: “Scusa compà, ma la Doccia&GelMini non ha prima copiato il compito qui a Sud e poi si è messa asputare nel piatto dove ha rovistato, neanche fosse una rom? E mò ci mettiamo a fare piaceri a questa gente infame?”.

“Uee voi sapete come vanno le amicizie algiornodioggiedieri&domani: qui parlano tanto di scuola di strada bene, noi metteremo in realtà sta situazione. Sti mangiapane a tradimento di insegnanti mò faticheranno per noi. Li addividiamo per fasce di interesse. I matematici con i criaturi più magri, debolucci faranno lezioni di pizzo geometrico, aritmetica dell’usura ed equazione degli interessi passivi sugli appalti pubblici. Se non cominciano da piccoli non si va in nessun cantiere. Quelli che insegnano itagliano non ci servono, tante non si scrivono confessioni e si firma con la x. Quelli di educazione tecnica allo scasso con destrezza, furto aggiornato e uso di attrezzi industriali per rapina e minaccia. I maestri di religione song’ nu problema, camm’fa?

“Capo, li possiamo mettere alla formazione della negazione: come si recita il “dio esiste” così faranno capire ai criaturi “a camorra nun esiste”.

“Buona approvata. Certo non li sistemiamo tutti sti mangia pane a tradimento, però.  Le maestre più buone le mettiamo a fare filmati su camorratube: si fanno toccare il culo e poi sparano. Un poco più di movimento”.

L’atavica ignoranza per un momento si illumina di Totò&Peppino: compare Pasquale e come facciamo con gli insegnati del sostegno (che manterann’ ppò, mah!).

“Ahhmbè, quelli ci servono per le rapine, basta a mantenere chissà cosa, da oggi a Napoli una nuova carriera: tutti a fare e sostenere i pali, quelli sono importanti mica gli handicappati! Ricordate da oggi anche Il maestro è come il capoclan: è uno solo”.