Warning: mysqli_real_connect(): (HY000/2000): mysqlnd cannot connect to MySQL 4.1+ using the old insecure authentication. Please use an administration tool to reset your password with the command SET PASSWORD = PASSWORD('your_existing_password'). This will store a new, and more secure, hash value in mysql.user. If this user is used in other scripts executed by PHP 5.2 or earlier you might need to remove the old-passwords flag from your my.cnf file in /web/htdocs/www.sergionazzaro.com/home/wp-includes/wp-db.php on line 1612

Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in /web/htdocs/www.sergionazzaro.com/home/wp-includes/wp-db.php on line 1643
Valogno Borgo d'Arte - Sergio Nazzaro, giornalista e scrittore.

Il piccolo documentario su Valogno Borgo d’Arte, realizzato per Fanpage.it con la sapiente regia di Peppe Pace. O per meglio dire l’omaggio a Valogno (Caserta), al suo essere Borgo d’Arte, alla sua gente e alla loro visione della vita, della realtà, del Sud: “fatevi rubare il tempo”.

 

Il Sud è non conoscenza anche di chi lo vive. In cerca di luoghi lontani ti ritrovi poi a conoscere un paese, Valogno che dista solo qualche chilometro da casa. 
Ormai lo chiamano borgo dei murales, da 600 abitanti di qualche decennio fa, ormai se ne contano solo un centinaio di abitanti. La desertificazione del Sud.Angelo Mazzeo è un vecchio amico del liceo che mi indirizza da Giovanni Casale e Dora Mesolella. Sia Angelo che Giovanni e Dora stanno ricostruendo pietra dopo pietra il paese.I murales sono storie e sentimenti, semina di un raccolto che verrà. Busso alla porta di Giovanni e da li in poi si aprirà un mondo di conoscenze impreviste. “Prima mi facevo pagare il tempo, oggi me lo faccio rubare da persone come te che bussano alla mia porta”.

Ha tre figli ed una visione con orizzonti infiniti. Sua e della moglie Dora l’idea di disegnare il paese. Di far diventare ognuno custode di mura aperte. Un pomeriggio al Sud, vicino casa, dove i portoni si aprono e si visitano case, racconti ed esperienze.

Zio Raffaele racconta gli antichi strumenti del lavoro in campagna, una signora invece racconta come un murales abbia agitato i vicini perché rappresentava una finestra aperta: voleva chiamare i vigili.

“Riconoscersi, ricordarsi, contaminarsi. Cerchiamo solo di fare questo. Ho lasciato Roma perché qui c’è da fare. C’è memoria che va custodita. E se la gente torna a bussare ai portoni per conoscersi, per chiedere la storia di un disegno significa che stiamo seminando bene”.

Quando torno a casa, rimango stordito perché quando si assapora il risveglio del Sud si rimane inebriati dalla potente fantasia magica che crea mondi reali da cui non ci si vuole più andare via.